DUE INCONTRI AD AVELLINO DEL CENTRO PASQUALE MARTIGNETTI – I

A 150 ANNI DALLA PUBBLICAZIONE DEL
PRIMO LIBRO DEL CAPITALE DI KARL MARX
Incontro su
MERCIFICAZIONE DEI
RAPPORTI SOCIALI E
DISUMANIZZAZIONE
Venerdì 23 giugno ore 16.30
Circolo della Stampa di Avellino
Corso Vittorio Emanuele II n° 6

“….Di tendenze democratiche, nel 1877 inizia a collaborare al settimanale
milanese La Plebe ed acquista, dalla “Biblioteca di propaganda” dello stesso
organo, una traduzione francese del primo volume del Capitale di Marx. Il suo
studio «mi convertì al socialismo», confida anni dopo in una lettera a Engels. È
la svolta. Da quel momento lo studio, la traduzione e la divulgazione delle
opere dei maestri del socialismo diventa lo scopo principale della sua vita. Continua a leggere

Share
Pubblicato in Eventi | Lascia un commento

DAL CUORE DELLA BOEMIA, UNA MEMORIA E UN MONITO a cura di Ambra Laurenzi

Lidice è un piccolo paese della Repubblica Ceca, nel distretto di Kladno,  che nel 1942 faceva parte del Protettorato della Boemia-Moravia del terzo Reich.

Il 27 maggio 1942, la Resistenza organizzata dal governo cecoslovacco, in esilio a Londra, portò a segno il più importante obiettivo che si era prefissata: assassinare Reinhard Heydrich, una delle figure più influenti del regime nazista e governatore del Protettorato di Boemia-Moravia che per la sua ferocia venne soprannominato il boia di Praga.

Per questa missione,. furono selezionati Jan Kubiš e Josef Gabčik, addestrati in Scozia e paracadutati nel territorio qualche mese prima dell’attentato. L’organizzazione e l’esecuzione dell’attentato fu perfetta e Heydrich venne colpito nella sua auto mentre rientrava nella sua casa vicino a Praga, riportando ferite gravissime. Morì in ospedale il 4 giungo 1942.

                                                       Jan Kubiš e Josef Gabčik

Immediatamente venne proclamato lo stato d’emergenza e posta una taglia di 1.000.000 di reichmarks sulla testa dei colpevoli. La repressione fu durissima. Furono torturati e uccisi parenti e amici dei due attentatori che, dopo essersi rifugiati nella Chiesa ortodossa dei Santi Cirillo e Metodio, si suicidarono per non cadere nelle mani dei nazisti.

Ma tutto questo non fu sufficiente e come successiva rappresaglia  venne scelto Lidice, un piccolo paese a circa 20 km. da Praga, per scatenare una reppressione violentissima.                                          Lidice

Lidice era abitato da contadini, donne e bambini: poche case, il comune, la scuola e la chiesa.

Il 10 giugno 1942 tutti gli uomini vennero giustiziati a gruppi di 10, le donne e i bambini vennero portati a Kladno, a pochi km. di distanza e, dopo tre giorni, le donne, dopo essere state separate dai bambini, vennero caricate su camion e deportate nel campo di concentramento di Ravensbrück.

I bambini, da 1 a 16 anni, rimasti soli, vennero trasferiti a Lodz in un’area dove sorgeva la fabbrica tessile e non venne data loro alcuna cura. Solo alcuni di questi, con maggiori caratteristiche ariane vennero affidati a famiglie tedesche per essere rieducati.

Tutti gli altri bambini, ottantadue, vennero portati nel campo di sterminio di Chelmno per essere  gassati. Solo 17 si salvarono e, alla fine della guerra, riuscirono a tornare. Ma Lidice non esisteva più, fu dato alle fiamme e completamente raso al suolo.

Oggi il nuovo paese di Lidice, che faticosamente negli anni ha ricostruito un’identità, sorge limitrofo alle vecchie fondamenta ed è significativo che una via è stata dedicata a Marzabotto che  a sua volta, ha dedicato una via a Lidice.

                                           Celebrazioni del 10 giugno 2017

Lo spazio delle vecchie case è occupato da grandi prati verdi che ogni anno, il 10 giugno nell’anniversario dell’eccidio, si riempiono di persone, di gruppi, di delegazioni da ogni paese del mondo per rendere omaggio alle vittime e non disperdere la memoria di uno dei più esecrabili eccidi nazisti.

                                                                                                         

In un angolo dei prati, dal quale è possibile vedere tutta la vallata, è stato posto un commovente memoriale dedicato ai bambini realizzato da Marie Uchytilovà.

Sono rappresentati 42 bambine e 40 bambini, dai più piccoli ai più grandi, uniti da un destino sul quale, guardando i loro visi scolpiti,  pongono interrogativi.

Come, credo,  i bambini di Beslan o di Aleppo.

         

Share
Pubblicato in Eventi | Lascia un commento

LE CANZONI DI ALESSIO LEGA E ROCCO MARCHI

Il 6 giugno esce il nuovo CD di mie canzoni, Mare Nero (che dalle prime reazioni della stampa pare stia piacendo non poco), col mio scudiero Rocco Marchi, lo presentiamo in giro per l’Italia. In particolare volevo segnalarvi le prime due date di Roma e di Milano.

Mercoledì 7 giugno Mare Nero approda all’Arciliuto: nel delizioso teatrino in pieno centro a Roma – che da qualche tempo si distingue per attenzione alle proposte musicali – ci ero già passato fugacemente. Continua a leggere

Share
Pubblicato in Eventi | 1 commento

MOSTRA CATALOGNA BOMBARDATA DI NUOVO A ROMA

 

Share
Pubblicato in Eventi | Lascia un commento

“La Resistenza di Berlino operaia al nazismo: l’organizzazione Saefkow-Jacob-Bästlein”

    

Segnaliamo tre iniziative che si terranno nei prossimi giorni a Milano, Brescia e Torino 
 
Come riportato nella introduzione del Catalogo della Mostra Catalogna Bombardata, furono “le associazioni che avevano organizzato nella primavera 2015 (a Milano) la Mostra sulla Resistenza operaia a Berlino contro il nazismo, a decidere di continuare nel loro impegno teso alla diffusione della conoscenza di pagine poco conosciute della storia dell’antifascismo europeo” ed impegnarsi appunto nella organizzazione in tutta Italia della Mostra stessa (tour che continua con successo: www.mostracatalognabombardata.it)
 
Oggi quelle Associazioni (Centro Filippo Buonarroti Milano, Centro di Dcumentazione Logos Genova, Centro Documentazione Antonio Labriola Torino) in collaborazione con l’Associazione dei resistenti e deportati tedeschi (VVN-BdA di Berlino)  organizzano, in occasione del 75° anniversario dell’inizio della Resistenza operaia a Berlino contro il nazismo (1942-1945):
 

Conferenza-dibattito della dott.ssa Baerbel Schindler-Saefkow storica e figlia di eroi della resistenza tedesca ed autrice della Mostra Resistenza Operaia a Berlino 1942-1945

“La Resistenza di Berlino operaia al nazismo: l’organizzazione Saefkow-Jacob-Bästlein”

 
La Mostra è stata esposta, a partire dal 2103, in varie città d’Italia grazie alla collaborazione delle associazioni antifasciste ANPI, ANED, CGIL
 
 
 
   
 
        
                                                                                                                                            
 
 
 
Share
Pubblicato in Eventi | Lascia un commento

INCONTRO -DIBATTITO SABATO 20 MAGGIO ORE 1700 ALLA “FELTRINELLI POINT” TERNI

 

Share
Pubblicato in Eventi | Lascia un commento

IL TEATRO DELLA MEMORIA

Il 28 aprile al liceo classico di Anzio si è svolta una nuova iniziativa del Teatro della Memoria del nostro gruppo di azione scenica Aletheia: una riduzione teatrale del “Romeo, Giulietta e le tenebre” di  Jan Otččenášek,  ovvero la storia straziante di un disperato amore fra una ragazza ebrea e uno studente cèco  nei giorni delle brutali persecuzioni naziste, dopo l’attentato a Reinhard Heydrich Reichsprotektor di Boemia e Moravia, il “boia di Praga” che era entrato in carica il 27 settembre 1941 in sostituzione del più blando Konstantin von Neurath

Continua a leggere

Share
Pubblicato in Eventi | Lascia un commento

LAVORO FORZATO E MIGRAZIONI FORZATE IN EUROPA DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE

Al Centro di Documentazione “Pasquale Martignetti”

 

Mi chiamo Giuseppe Simonetti, sono un assistente tecnico in servizio presso l’Istituto Superiore Statale “Margherita Hack” di Morlupo (Rm). Inoltro volentieri un mio commento all’iniziativa tenutasi lo scorso 27 aprile nella sede associata “Nervi” dell’Istituto, sita in Rignano Flaminio, che ha visto la fervida collaborazione del Centro di Documentazione “Pasquale Martignetti”.

L’iniziativa ha avuto per argomento “Lavoro forzato e migrazioni forzate in Europa durante la seconda guerra mondiale”  e si colloca all’interno del Progetto-Scuole presentato anche quest’anno dal Centro Studi I Giovani e Le Generazioni “Patrizia Leonardi” di Roma (con il quale collaboro) che ha riguardato il tema generale della “Guerra e la Resistenza nella nostra travagliata epoca storica” (si sono tenute due altre iniziative in precedenza su “I Giovani nella Resistenza Romana ed Europea”  e “Shoah e Widerstand”); pertanto, in occasione del terzo incontro sopra citato (oggetto del presente contributo) si è realizzata una sinergia molto positiva tra i due Centri Studi che, grazie alla collaborazione del Centro “Pasquale Martignetti” ha permesso l’intervento straordinario di due ospiti illustri, membri dell’ANED (Associazione Nazionale Ex Deportati): la signora Mirella Stanzione, una ex deportata del campo di concentramento femminile di Ravensbruck in Germania che ha portato la sua importante testimonianza diretta, e sua figlia Ambra Laurenzi che ha realizzato un video-documentario molto interessante sul suddetto campo di prigionia intitolato “Le Rose di Ravensbruck” (il quale è stato successivamente visionato dagli studenti che hanno partecipato all’iniziativa).

 

A questi incontri hanno partecipato tre classi dell’Istituto, con due insegnanti di Italiano e Storia che hanno promosso il Progetto insieme al sottoscritto: voglio sottolineare il notevole successo che essi hanno riscosso (in particolare quest’ultimo) suscitando l’interesse degli studenti e richiamando la loro attenzione sui temi affrontati, ancor più significativo se si tiene conto del contesto assai “provinciale” in cui ci troviamo ad operare. Dunque, dobbiamo fare una considerazione fondamentale: tutto ciò dimostra il forte bisogno, molto diffuso tra i giovani, di rivolgersi a loro con proposte di alto livello culturale e politico; cosa che risponde pienamente ai propositi del Centro “Pasquale Martignetti”, ovvero di sensibilizzare le nuove generazioni per favorire in esse la formazione di una memoria storica e una coscienza politica su argomenti di così grande importanza.

Share
Pubblicato in Eventi | Lascia un commento

TEMPI BURRASCOSI E INCERTEZZA GLOBALIZZATA

 Al protezionismo americano si contrappone il liberismo cinese, paradossi della storia !

L’idillio tra Putin e Trump sembra già naufragato, nel frattempo continuano i massacri delle popolazioni  in Siria, Iraq, Yemen, ostaggi degli interessi di vecchie e nuove potenze.

Trump ricorda a tutti che l’America, sebbene in declino,rimane la prima potenza mondiale, con una forza militare senza paragoni, pronta ad usarla, se necessario.

Le altre potenze non resteranno a guardare. In Asia un grande riarmo è già in corso. In Europa si discute di come rilanciare la “difesa europea”.

Il declino americano, l’ascesa cinese e l’unificazione europea aprono una contesa tra potenze continentali per una nuova spartizione dei mercati e delle sfere di influenza.   

IL CENTRO PASQUALE MARTIGNETTI  ORGANIZZA UN INCONTRO SU QUESTI TEMI

SABATO 29 APRILE ORE 17- VIA CESARE BATTISTI 9 –TERNI

TEMPI BURRASCOSI E INCERTEZZA GLOBALIZZATA

 

 

 

 

Share
Pubblicato in Eventi | Lascia un commento

Mostra ” Catalogna Bombardata ” a Napoli dal 04 al 10 aprile – Programma delle iniziative –

Share
Pubblicato in Eventi | Lascia un commento